Approfondiamo un tema non abbastanza dibattuto

L’inquinamento acustico può rappresentare un vero e proprio problema per la nostra salute in generale oltre che per l’udito, ci riferiamo a condizioni di esposizione prolungata a rumori eccessivamente forti che pongono tutto il nostro sistema nervoso sotto attacco quotidiano, e che può influire anche sul nostro umore, carattere ed infine sulle nostre azioni.

Inquinamento acustico, definizione e tipologie

Abbiamo due tipologie principali di inquinamento acustico, ovvero:

  • i rumori provocati dall’uomo
  • i rumori ambientali

In entrambi i casi dobbiamo precisare che sentire i rumori che ci circondano è una cosa assolutamente normale, non esistono luoghi in cui regna il totale silenzio, che si viva in città o al mare o in campagna, avremo sempre rumori diversi e di diverse intensità. È proprio l’intensità, o il volume, del rumore che incide sulla nostra salute, basti pensare che la soglia minima della pressione sonora che possiamo tollerare senza danni è assolutamente non superiore a 85 Decibel, valore per cui si potrebbe persino perdere l’udito a lungo andare. I rumori provocati dall’uomo ovviamente sono quelli che ci circondano quotidianamente: traffico, musica troppo alta, urla, un cane che abbaia, martello pneumatico, il motore della moto o dell’aereo e potremo proseguire all’infinito; mentre quelli della natura sono la pioggia, i tuoni, il fruscio delle foglie o le onde del mare. Il dato allarmante, è che la maggior parte dei rumori supera comunque i 65 Db.

I danni a lungo termine

Anche se ci è difficile pensarlo, l’inquinamento acustico prolungato può sicuramente farci venire patologie fastidiose come l’acufene (ronzio perenne nell’orecchio definito anche suono fantasma); la perdita dell’udito e non solo, in quanto può intaccare notevolmente il nostro sistema nervoso e di conseguenza a catena incidere sul nostro stato di salute: dall’assenza di sonno, nervosismo e stress cronico, irascibilità e problemi comportamentali di vario genere. Ridurre e controllare i rumori che ci circondano è dunque di fondamentale importanza per mantenere il proprio tenore di vita sano ed equilibrato. Ovviamente imporre il silenzio e di cessare il rumore all’intero mondo che ci circonda è impossibile, fa parte di un senso civico insito in ognuno di noi quello di controllarsi per non recare danno al prossimo e controllare la pressione sonora che emaniamo e cui siamo sottoposti. Altre volte la situazione riguarda il posto di lavoro, e ci si abitua a tal punto che con il tempo non si percepisce quasi più il fastidio, fino purtroppo alla comparsa di sintomi importanti come la perdita dell’udito. CBF Laboratori, a Montecastrilli in provincia di Terni, da anni svolge analisi per l’inquinamento acustico dettagliate, per maggiori informazioni veniteci a trovare in Via dello Scalo 6, chiamateci al numero 0744.1923202 o inviateci un’email all’indirizzo studiotecnicobf@libero.it.

danni da inquinamento acustico